Archivi categoria: Primavera a Palazzo 2013

Seconda edizione della Primavera a Palazzo

REAL GAMES

sabato 20 aprile 2013 – ore 21.00 – ingresso libero

Attraverso le informazioni che il pubblico fornisce “al volo” agli improvvisAttori le varie performance artistiche prendono vita.

REAL_GAMES_TEATRIBU'

Gioco di improvvisazione
a cura di

Teatribù

Basta una semplice parola per far nascere un’improvvisazione. Basta una frase per determinarne la sua fine. Ci vogliono solo 5 parole per inventare un piatto “prelibato” o 5 informazioni per dichiarare il proprio amore.

Si può vedere la stessa scena-comica in 70 stili diversi (dal Western alla Fantascienza, ma anche sceneggiata napoletana o soap opera…) e persino sentir parlare un qualsiasi oggetto del suo “dramma quotidiano”.

JAZZ SESSION

11 maggio 2013 ore 21.00

Gruppo che offre spontaneità, dialogo ed energia.

Jazz_Monico

Simona Severini voce, Giacomo Tringali vibrafono, Mario Manduci chitarra, Cristiano Da Ros contrabbasso, Filippo Monico batteria.

Grandi e piccole canzoni stimolano le improvvisazioni dei cinque musicisti in un gioco in tempo reale che regala sempre delle sorprese: piccoli viaggi nel mondo dei suoni, del pulsare e zigzagare del ritmo e nel fluire del tempo.

DON CHISCIOTTE DELLA MANCIA

25 maggio ore 21.00

Suite musicale per voci narranti e strumenti di Miguel de Cervantes

 

Crescendo

Crescendo
orchestra giovanile

Judit Földes
direttore
 

Musiche di Georg Philipp Telemann

Cervantes e Telemann: un gigante della letteratura il cui capolavoro è messo in musica da uno dei più grandi musicisti del periodo barocco.

Don Chisciotte e il fedele Sancho Panza, attraverso la musica e il testo narrato, si ripresentano a noi con le loro eroicomiche avventure.

L’Orchestra Giovanile Crescendo con la partecipazione di giovani narratori presentano uno spettacolo in cui suoni e parole, melodia, ritmo e racconto si uniscono per condurci dentro un mondo in cui follia e saggezza si danno la mano ed insieme camminano, quel mondo cavalleresco e al tempo stesso dolcemente malinconico del Cavaliere dalla Trista Figura e del suo fido scudiero.

VIAGGIO NELLA MUSICA TRA I SECOLI

1 giugno ore 21.00

Corale

Corale Santa Cecilia
coro polifonico

Luisella Grandi
maestro

Da 25 anni la Corale si prepara, si aggiorna e realizza con passione repertori che spaziano dal medioevo agli autori contemporanei nella ricerca di emozioni sempre nuove.

Si caratterizza con esecuzioni di musica polifonica sia sacra che profana, ma anche con l’interpretazione di arie di opere famose cercando di rendere al meglio, brani musicali di diversi paesi.

Il piacere di fare musica e di scoprire brani ed autori sempre differenti accomuna i coristi aldilà delle fatiche che un impegno simile comporta e al quale, tuttavia, nessuno rinuncia.

Clicca qui per il Programma della Corale

2013/15 NATURA PERMANENTE E LA CURA

8 giugno – 23 giugno 2013

CopertinaNaturaPermanente

 

 

 

 

 

 

 

 

Progetto Dieci.due! International research contemporary art, Milano

Trentacinque artisti per una mostra collettiva d’arte contemporanea e stanza laboratorio progetti futuri:

Jurij Atzei, Franco Baccan, Jean Marie Barotte, Ilaria Beretta, Max Bottino, Giulio Calegari, Isora Caprai, Marinella Crespi, Carlo Delli, Giuliana Di Bennardo, Anna Finetti, Pompeo Forgione, Rebecca Forster, Nicoletta Frigerio, Grazia Gabbini, Gianni Gangai, Paolo Gentiluomo, Anna Lambardi, Alessio Larocchi, Pino Lia, Ugo Locatelli, Emanuele Magri, Marco Magrini, Adelio Maronati, Marcello Mazzella, Marica Moro, Marina Nova, Antonio Piga, Nada Pivetta, Antonio Romano, Antonello Ruggieri, Sabina Sala, Mireille Saliba, Giovanni Valentini, Ivan Villa

Natura

a cura di

Giovanna Maulino  
Maria Rosa Pividori

testo di

Eleonora Fiorani

www.diecipuntodue.it

In questo primo progetto la Natura, presente prima dell’essere umano, viene suggerita quale punto di partenza, una bussola per indicazioni/proiezioni future, tempo e mutamenti infiniti nella costante degli elementi permanenti, partendo dall’Aria e dall’Acqua.

Il Luogo, la memoria, le tracce/esistenza per mappare e ripensare tutto con nuova sensibilità, spiritualità e nuova percezione in epoca di disorientamento e grande cambiamento.

Per mostrare la fine/l’inizio, il nuovo progetto, la Cura. 

il Luogo/le mappe
citando Eleonora Fiorani:
L’arte abita il territorio, l’arte abita lo spazio e il tempo si collegano i vari spazi del territorio, si crea la struttura unitaria tra i vari spazi ed i tempi rapporto con la memoria, progettazione del futuro arte che produce narrazioni e quindi risignifica i luoghi riannodando i fili interrotti.

Scarica in anteprima icatalogo ARIA ACQUA 2013

Scarica il Programma della Mostra

UNCLE JASSE ROCKS THE SQUARE

Il concerto in programma per sabato 15 giugno 2013 – ore 21.00 è stato rimandato a data da definirsi.

Cinque musicisti con esperienza e un solo obiettivo: proporre un grande show fatto di sudore, energia ”dannatamente rock”!

Concerto rimandato

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Massimo Di Luca voce e armonica, Roberto Pinneri, Michele Trotta chitarra e cori, Diego Gatto basso e cori, Andrea Rucci batteria.

La band nasce nell’estate del 2010 con l’idea di fare il rock che hanno ascoltato da sempre, ancor prima di imbracciare la chitarra. Suonano nei migliori locali della Lombardia con un solo scopo: divertire gli altri divertendo se stessi.

Il repertorio di cover, dai brani più famosi ai più ricercati, soddisfa tutti i palati di un pubblico amante della musica suonata con passione e adrenalina.

 

HARD GROUND

22 giugno ore 21.00

MUSIC & PUPPETS

Papà perché tutti questi uomini
Stanno dormendo fuori nella pioggia?
Perché non vanno a casa
Dove è tiepido e asciutto?
Perché non vanno tutti a casa
Dov’è asciutto?

 Homeless


a cura dell’associazione culturale
QUINTOSPAZIO

Con la partecipazione di:
Ennio Giuliani, Elisa Davolio Marani, Max Marchesi, Michela Schiavone, Debora Schillaci 

Musiche di Max Marchesi

In collaborazione con:
Paola Bassani, Serena Crocco, Silvia Torri
Costruzione e animazione

Giulia Frova
Videografie

Visual performance liberamente ispirata al poemetto di Tom Waits Seeds on hard ground.

Frammenti di vite ai margini della società, un tema caro a Waits che in questo testo dà voce ai ritratti fotografici degli homeless di Marc O’Brien. Le sue parole ispirano musiche originali, pupazzi, immagini che insieme animano una danza ruvida e concreta sul fondo della dura terra.

Cicca qui  per scaricare la locandina dell’evento.